Criminal mind.

 

Cerco di essere come tu mi vuoi
ma non capisco perché tu lo fai
i desideri sono giochi che trovo solo dentro di te
ma nel tuo profondo troppo profondo non so cosa c’è.
Delicatamente diavolo non so quanto sia dolce il tuo calice
sinuosamente mi abbandono inchinandomi alle tue parole
e mi confondo nell’oceano dei tuoi occhi.
In fondo le lacrime sono come acqua piovana
e quando piove non mi bagna più oramai
salto di qua e là dalle pozzanghere e torno indietro
tanto indietro da dimenticare la mia identità.
Cerco di dire solo le parole che vuoi che dicessi
ti lascio le mie mani da bruciare senza eccessi
adoro le bandiere bianche e le vele al vento
ma non ho la forza nemmeno per disegnarle.
Delicatamente diavolo non so quanto aspro sia il tuo pane
io non sono niente e sinuosamente mi abbandono a te
il tempo non esiste se ci sei e nulla importa più
il fresco alitare del vento dell’inverno forse mi desterà.
Cerco di fare tutto ciò che vuoi
ma non capisco perché non basta mai
il tuo sorriso è una goccia del veleno che mi fa morire
i desideri sono sogni che trovo solo dentro di te
ma nel tuo profondo troppo profondo tanto inutile.
Vorrei essere in grado di correre verso le rondini
gli arcobaleni a volte non esistono e nemmeno gli aquiloni
inseguo linee invisibili ma ancora credo nei miracoli
i segni sono macchie di sudore indelebili.
Cerco il tuo cuore per ritrovare il mio
gli spazi sono deserti non ho che sabbie mobili
lasciami andare oltre ogni tuo respiro
concedimi di chiudere gli occhi per l’ultima volta.

 

Contro tutte le forme di violenza.

Condividi: