HomeIL PROFUMO ACRE DELLA NOTTE    Accedi

12805657_837130999766469_2741717504453786560_n

di Annalena Cimino

Il respiro del lago

era entrato nell’anima,

quando l’amore si defilava

dal suo dolore.

Era splendido e quieto

il solitario bosco,

di porpora s’illuminava l’autunno

nei caldi odori e colori.

Occhi scuri e profondi

seguivano i passi

sulle rive indifferenti

allo scorrere del tempo,

all’avvicendarsi dei giorni,

delle stagioni antiche.

Sotto una luna assonnata e spenta,

nel profumo acre della notte,

una voce riecheggiava lontano

e diceva quanto mi amava.

 

Letture 0

I commenti sono chiusi.