HomeLa Razza    Accedi

immigrati

Autore: Salvatore Armando Santoro

La razza è lì,

abbandonata sui barconi,

in balia dell’onda immane,

soli col mare

con la sua desolazione.

Il nostro seme

s’è sparso in ogni dove,

seme di civiltà che colonizza,

che porta civiltà col gas iprite,

col suono tenebroso dei cannoni.

Il nostro gineceo sparso pel mondo,

gambe allargate,

virtù sempre violate,

quei geni in ogni dove seminati.

Ma come rondini tarde, a primavera,

son lì su quei barconi

nella promiscuità ammucchiati,

alla ricerca di radici antiche,

l’istinto li comanda e li sospinge,

figli di una progenie squallida e crudele

che gli occhi chiude e non li riconosce,

che oggi ancora in mare li respinge!

 

 

 

Salvatore Armando Santoro

 

Boccheggiano 04/03/2010

 

Letture 3

I commenti sono chiusi.

Si prega di non violare il copyright!

Letture 3

Mi piace: