HomeCercasi Onestà    Accedi

cimabue

Autore: Angelo Lasala

Un giorno me ne stavo pè strada ad aspettà
mi nonno che alle poste la fila stava a fà.

Con un bijetto ‘n mano un tizzio camminava
chiedendo ‘nformazzioni a quelli che ‘ncontrava.

Poi vide me che stavo seduto a na panchina
e con sorriso ‘n faccia de botto s’avvicina.

“…me scusi.. na parola… da molto sto a girà…
io cerco una signora… er nome è Onestà”

“…er nome non mi è novo… non riesco a ricordà
ma… aspetti c’è mi nonno che forse ce lo sa”

“…ah si! me la ricordo! la madre de Giustizzia!
…però è ‘n po’ de tempo che nun c’ho più notizzia…

…aveva na sorella… famme ‘n po’ ricordà…
er nome che c’aveva… me pare… Verità!

Massì sò proprio loro! È assai che nun le vedo
da quanno ‘n giro misero na voce falsa… credo.

“…cioè?” chiese quer tizzio cò n’aria ‘ncuriosita
“pè na fregnaccia, quindi, da qui se n’è partita?”

“Diceveno, me pare, in tutta la città,
che na parente loro è la Stupidità.

…porelle! Se n’annarono de notte come ladre…
nun se so viste più le fije cò la madre”

“…e adesso come faccio?” ce disse sconsolato
“…de loro c’è bisogno io sono disperato!”

“In giro cò quer nome ne trova ‘n quantità,
so morti che se spaccieno pè autentica onestà

ma lei n’se fidi mai, le sembrerà ‘n po’ strano,
ma l’Onestà se è vera se vede da lontano!”

Letture 1

I commenti sono chiusi.

Si prega di non violare il copyright!

Letture 1

Mi piace: