Mi divago per non pensare ( non rinuncio a sperare)

elvio angeletti

054

Cerco il tuo sorriso

che mi porta lontano

voglio illudermi ancora

una volta e…

vorrei  toccare ancora

quella terra dove

un giorno amai

posare i primi passi.

 

Il sole è appena nato oggi

e toccare con le mani

i germogli  freschi

ad un passo dal giorno

mi emoziona

rinasce l’anima mia

nel respirare  il profumo

della mia terra.

 

Tra le zolle fresche

spuntano le viole

e le giunchiglie

che sfioro senza

disturbarne la purezza.

Tu sei nella mia mente

e nel divagare

la natura si sente

m’offre il non pensare

di quel che non ho più.

 

L’ieri del lavoro

oggi negato

e con te terra mia

per qualche soffio

l’ho dimenticato.

 

Guardo questo sole

e… all’orizzonte il mare

i campi pieni di grano

e le vele bianche

guardo la mia fonte

d’acqua ora chiusa

e ricordo i girasoli.

 

Mi divago per non pensare

ma penso in questo divagare

e non c’è divago se non penso

l’anima in subbuglio

il mio sentire incerto…

una voce implora

lascia stare!!!

 

Guarda l’acqua fresca

che scende cantando

verso il mare

e sogna nel tuo

pensare!!!

 

elvio angeletti

30-03-2014 diritti ©riservati

Letture 4

Pubblicato in Senza categoria