Notice: Undefined variable: user_ip in /home/sfogliandopoesia/public_html/wp-content/plugins/post-views-counter/includes/counter.php on line 384

Notice: Undefined variable: user_ip in /home/sfogliandopoesia/public_html/wp-content/plugins/post-views-counter/includes/counter.php on line 390

Notice: Undefined variable: current_time in /home/sfogliandopoesia/public_html/wp-content/plugins/post-views-counter/includes/counter.php on line 390
REGGIA NURAGICA –SU NURAXI- Barumini - sfogliandopoesia.com Auguri dal Sito Buone Feste!
 
HomeREGGIA NURAGICA –SU NURAXI- Barumini    Accedi

Commenti

REGGIA NURAGICA –SU NURAXI- Barumini — 6 commenti

  1. Testimonianza di una realtà tutta Sarda…i Nuraghe, possenti costruzioni essenziali, molti hanno scavato la storia per scoprirne le origini e la vera funzione del Nuraghe, io a qualche amico Sardo ho suggerito che dalla forma tronco conica assomigliano molto alle strutture di raffreddamento delle centrali nucleari…ma io ho scoperto che i Sardi al tempo degli Egizi non solo fornivano degli eserciti specializzati ma fornivano anche tutti i manufatti dell’epoca, armi in bronzo ed altri utensili e allora credo che dove se non nel Nuraghe potevano svilupparsi gli altiforni che poi utilizzate come case e ricovero di animali…e la Reggia Nuragica di cui la tua opera parla testimonia che quell’arte fu florida e ben utilizzata, grazie.

    • Ringrazio per i commenti , e desidero segnalare che la forma di questi monumenti sopravive in un dolce di pasta di mandorle di nome CANDELAUS

      • I Candelaus… devono essere squisiti, almeno per me che sono, purtroppo ghiotta della pasta di mandorla, tipica della Sicilia, la cosiddetta “pasta reale” che vide la luce dalla dalla Frutta di Martorana, nel monastero benedettino palermitano fatto costruire dalla nobildonna Eloisa Martorana, dove, con il marzapane, le suore preparavano dei piccoli dolci per la festa di Ognissanti. GRAZIE, Anna Maria.

  2. Un “gigante abbattuto” (secondo la definizione del prof. Lilliu* ) che pure si erge fiero sull’ antico villaggio circostante. I tuoi versi, molto belli, così commossi e commoventi, hanno “ascoltato” e “sentito” la voce delle sue pietre, attraverso il calore e l’ elettricità che la terra, proprio con le sue memorie, sprigiona, emanando il sapore metallico di una solitudine ricca di privilegi. Sì, cara amica di poesia, hai proprio creato una sorta di proiezione psico-fisica, dalla cui dualità sei riuscita a fare emergere l’ identità profonda ed eterna di questo “gigante”. COMPLIMENTI!

    *Giovanni Lilliu, professore di fama internazionale, membro dell’Accademia dei Lincei, definito “il guru della civiltà nuragica”, che, per i suoi studi sulle Antichità della Sardegna, nel 2007, ricevette dalla Regione Autonoma della Sardegna l’onorificenza “Sardus Pater”. La sua scoperta della reggia di Su Nuraxi, nel suo paese natale di Barumini, ha fatto, di questo luogo, il villaggio nuragico più importante tanto da meritare, nel 2000, il riconoscimento ufficiale di “patrimonio dell’Umanità” da parte dell’Unesco.

  3. L’amore di quattromila anni con sapore di Terra, forza e potenza…la storia s’assapora anche in meravigliosi versi! Complimenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.